venerdì 15 novembre 2019

INDIPENDENZA DEI SEMI


Ciao a tutti!
 E' doveroso che io apro l'articolo dicendo che l'autoproduzione delle sementi è un atto di disobbedienza civile, una piccola rivoluzione. E' un'azione necessaria (anche per noi piccoli coltivatori).
Siamo invasi da milioni di ortaggi modificati, che danno origine a frutti sterili o che tramandano una genealogia che non corrisponde a quella dei genitori o peggio ancora sono senza semi.
I padroni del cibo per dirla alla Vandana Shiva, hanno fatto schiavi milioni di persone vendendo sementi sterili modificate, promettendo falsamente raccolti esorbitanti. Risultato? Produzioni uguali o peggiori di quelle tradizionali ma impoverimento delle terre,indebitamento delle persone e della biodiversità in molti paesi.
Trovo inoltre sia molto utile e divertente recuperare i semi dai frutti raccolti nell'orto o anche di quelli comprati (per me a patto che siano biologici o dati da persone di fiducia, accertandosi non si tratti di un prodotto ibridato). Scopriremo che i semi si conservano molto più dei canonici due anni che ci raccontano le buste in commercio, semplicemente più tempo passa e più la percentuale di germinabilità potrebbe diminuire.
Per conservare i semi al meglio, bisogna tenerli in un luogo fresco, asciutto e buio. 
C'è chi consiglia in un contenitore ermetico, in frigorifero o anche nel congelatore domestico.

Ogni frutto ortaggio ha il suo modo di moltiplicarsi. Ecco qualche esempio:

Per i pomodori (e tutti i frutti dove i semi sono mescolati alla polpa) è molto utile lasciare a macerare i semi, "spremuti" o prelevati con un cucchiaino senza preoccuparsi di dividerli dal resto del frutto, per un paio di giorni con un goccino d'acqua coperti con un foglio di carta da cucina. 
La formazione di muffa non ci deve spaventare.
Trascorso questo tempo, sciacquarli sotto il rubinetto all'interno di un colino e metterli a seccare su un foglio di plastica o carta da forno, avendo cura di separarli in modo che in fase di asciugatura non si attacchino.
Una volta essiccati, potremmo metterli in una bustina ermetica oppure un piccolo vasetto.

Per le zucche, peperoni, peperoncini, meloni, luffa e angurie è piuttosto semplice, una volta aperto il frutto basta dividere i semi dalla polpa, lasciarli seccare e conservare in vasetti ermetici.

Per i cavoli, almeno una pianta del nostro orto và lasciata andare a fiore e compiere il suo ciclo naturale ... Generalmente verso aprile dell'anno successivo troveremo dei tubicini secchi che contengono tantissimi semini neri.
 
Anche l'insalata (e le foglie in genere) và lasciata andare a fiore... Nel calice dei piccoli fiorellini (che somigliano a piccoli soffioni gialli o bianchi) ci sono tantissimi semi piccoli e allungati che potremmo conservare.

Aglio e cipolle sono spettacolari! fanno un bellissimo fiore a palla (che è una gioia per gli occhi), che in realtà è composto da tantissimi microfiorellini. Una volta essiccato bisognerà aprire i calici dei piccoli fiori trovandone i semi :piccoli granelli neri.
La semina (da seme) di aglio, cipolle è una cosa idonea solo ai pazienti e ai volenterosi. A differenza dei bulbi in commercio che sono abbastanza rapidi e semplici, per i semi occorre molto tempo e dedizione.

I legumi sono molto facili da ottenere come semenza; basterà solo far essiccare i bacelli che li contengono direttamente sulla pianta in campo, fino a che non saranno molto duri (proprio come i legumi secchi che acquistiamo per alimentazione). Conservare a dovere anche loro.

Per cetrioli e zucchine dobbiamo eleggere un frutto (magari il più grande e bello) e non tagliarlo dalla pianta fino a quando non sarà molto molto differente dagli ortaggi che siamo soliti consumare.
 La zucchina diventa coriacea sulla scorza (magari si formeranno anche delle crepe), una sorta di zucca e il cetriolo diventerà piuttosto grande dal colore giallo/marrone pur rimanendo tenero. 
A questo punto aprire e dividere i semi dalla polpa. Essiccare e conservare.
La zucchina (una volta tolti i semi) si può consumare come fosse una zucca, il cetriolo non è buono, meglio inserirlo nel compost.

I tuberi (come patate e topinambur) li possiamo tenere dai raccolti. Ad esempio gli esemplari più piccoli possono essere tenuti da parte (al fresco) a scopo della semina. Anche quelli che rimangono magari un pò troppo in dispensa o nel frigorifero che fanno i "butti" li possiamo riutilizzare per la stagione che verrà.



Nessun commento:

Posta un commento