venerdì 13 dicembre 2019

"SEI QUEL CHE MANGI"


Ciao a tutti !

Ecco un libro che secondo me và letto : Sei quel che mangi di Michael Greger .

Il dottor Greger fà morire da ridere, è spigliato, ironico e tremendamente diretto (e sono stati bravissimi i traduttori a mantenere questi toni).
Un uomo che ha fatto dell suo lavoro la sua passione: il cibo e i suoi effetti sull'organismo.
E' uno dei tanti medici (grazie al cielo!) che afferma che una dieta 100% vegetale coscenziosa è da preferire, per vivere bene e a lungo. E anche in armonia con flora e fauna (aggiungo io).

Il libro è diviso in due parti:

- La prima parte parla delle patologie più diffuse (tristemente diffuse perchè tutte portano a una morte prematura), dei test fatti (purtroppo a volte cita anche test su animali che a mio avviso non hanno alcun fondamento ne etico ne scientifico) in relazione allo stile di vita e alla dieta seguita.
E' una full immersion nelle malattie di cui tutti i giorni sentiamo parlare, ma di cui non sappiamo abbastanza.

- La seconda parte esamina i gruppi di alimenti, raccontando i fantastici doni che la natura ci porge.
Nessun piatto complicato, nessun cibo pronto ma ricette e dritte anche per chi ha poco tempo (e poca attitudine nella cucina).

Cosa ne penso io?

A me il libro è piaciuto molto, circa 600 pagine letteralmente divorate.
Mi ha aperto gli occhi su molte patologie che conoscevo solo di fama e mi ha anche dato uno spaccato del mondo medico (non ci sono tante buone notizie).
Devo però dire che non concordo con lui sulla validità dei test su animali, sulla quasi fissazione per gli antiossidanti (naturali contenuti nel cibo ovviamente) e a volte tende a ripetersi (forse per fissare meglio i concetti) un pò troppo, ma ripeto (si anch'io) a me il libro è piaciuto e penso sia una lettura MOLTO utile per chi ne sà, per chi ne sà qualcosa e anche per chi non ne sà niente del rapporto cibo- salute.

Per ulteriori approfondimenti (gestito dal team del dottor Greger)

lunedì 9 dicembre 2019

FORMAGGIO CREMOSO (STILE CHEDDAR)


Ciao a tutti!

Oggi prepariamo una crema formaggiosa, totalmente vegetale dove nessuna mucca deve soffrire per il nostro egoismo. Il gusto è dolce, molto saporito e allo stesso tempo affumicato; una crema "decisa" che non passa inosservata.

 Si sposa bene nei panini, nelle piadine ma anche sulle verdure (o sulle lasagne) gratinate al forno. Questa crema tenuta più morbida è ottima per condire la pasta effetto "mac and cheese".

Io, sinceramente, non ho mai assaggiato il formaggio cheddar da onnivora, ma il colore mi guida a etichettarlo così.

Ingredienti:

- 1 patata media  o una batata (in questo caso non aggiungere la carota)
- mezza carota ( o un pezzetto di zucca)
- 1 cipolla piccola
- una manciata di anacardi ammollati
- sale
- pepe
- paprica affumicata (facoltativo)

Lessare le verdure fino a che saranno molto morbide.

Frullare con il frullatore a immersione cipolla, patata, carota e anacardi aggiustando con un pò d'acqua sino a ottenere una consistenza cremosa. Aggiustare con sale e spezie.


Gustare nel modo che più vi aggrada.


venerdì 6 dicembre 2019

PEARLY : CONTRACCEZIONE ALTERNATIVA


Ciao a tutti!

Oggi vorrei spendere qualche parola su uno strumento che ha cambiato il mio modo di vivere il ciclo mestruale, la mia sessualità... E in un certo modo conoscermi meglio.

Circa tre anni fà ho comprato "pearly" della ditta baby comp : "l'indicatore di fertilità computerizzato, piccolo, sicuro, intelligente ..." come recita lo slogan.

In pratica questo piccolo strumento ci permette di individuare i giorni fertili (per il concepimento di un bambino) e i giorni sterili con una sicurezza del 99,3%.

Come può farlo? Tutte le mattine (appena ci si sveglia, infatti è anche dotato di questa funzione) la donna deve misurare mettendo sotto la lingua un beccuccio (che in realtà è un termometro di precisione) per misurare la propria temperatura basale.
Dopo qualche tempo che lo si utilizza il computerino comincerà a "prendere le misure" ( fase segnalata con il colore giallo ) del nostro ciclo, per poi successivamente indicare pallini verde (non fertile) e rossi (fertile). Per questa fase di apprendimento dati non c'è un tempo esatto, infatti dipende molto dalla regolarità del ciclo.
I giorni di flusso andranno segnalati a pearly (il più delle volete confermando la lettera M che ci proporrà) .
L'apparecchio ha una discreta memoria, conserva i dati per 99 giorni e ci dà una previsione (che non è da prendere con certezza del 99,3% ma appunto solo una previsione) del ciclo nei successivi 6 giorni.

Pearly ovviamente è pensato per coppie fisse (in quanto non protegge dalle malattie sessualmente trasmettibili  perchè non ha un "effetto barriera"); và anche tenuto conto che lui si limita e segnalare i momenti di fertilità femminile, nei giorni "rossi" se si vuole fare del sesso senza pericolo di gravidanza bisogna pensare ad altri sistemi.
Altra cosa da tenere in considerazione è che la temperatura basale deve essere presa appena si aprono gli occhi, dopo aver dormito almeno 3 ore consecutive o 4-5 totali. Se ci si alza (ad esempio per andare in bagno), bisogna poi avere almeno 60 minuti di sonno poichè la temperatura torni realmente basale, senza falsare il risutato. Quindi a chi a problemi di insonnia non lo consiglierei.
Si può utilizzare anche con cicli irregolari.

La ditta offre anche altri due modelli per l'indicazione della fertilità, più accessoriati (e più costosi) e mirati al concepimento più che alla contraccezione. Ma ovviamente nessuno vieta di utilizzare "l'economico"* Pearly a rovescio, per cercare una gravidanza invece di evitarla.
L'apparecchio che possiedo, ha la funzione di segnalarmi una gravidanza (accendendo tutti e tre i colori) dopo 18 giorni dal concepimento.

Se si vuole, si ha la possibilità di farsi stampare il grafico e l'analisi del ciclo (a pagamento) se abbiamo bisogno di chiarimenti o indagini specifiche perchè verifichiamo che l'apparecchio ci dà troppi giorni rossi o gialli.
Io, semplicemente, ho dedicato un quadernino dove segno i dati e creo da me il grafico (combinando le temperature alle date). Annoto poi le mestruazioni, i giorni con i vari colori e traggo le mie conclusioni.

La mia esperienza dopo tre anni posso dire sia molto positiva, ma ovviamente ci sono delle cose che non mi sono piaciute :

- Sul libretto viene segnalato che dopo circa due anni la batteria và sostiuita (anche se a dire il vero la mia non mi ha ancora dato nessun segno di cedimento) e per questo và mandato in sede pagando una manutenzione dell'apparecchio, viene detto anche si può procedere alla sostituzione a casa però vanificando la garanzia. C'è un lato positivo però : la nuova versione di Pearly non ha questo problema poichè ha un vano batterie più accessibile al cliente che potrà così procedere autonomamente alla sostituzione.

- Il mio modello non ha una retroilluminazione, così di prima mattina devo accendere la luce per vedere di aver misurato bene, e nel caso di flusso aver inserito il dato ( che una volta imparato a riconoscere i tasti al buio, ho aggirato). Anche qui, il nuovo modello in commercio la ha quindi hanno risolto anche questa noia.

* economico non molto, i prezzi a oggi aggirano sui 400 euro, ma a mio avviso, bisogna considerare l'investimento che non richiederà più farmaci.

Per maggiori info questo è il sito del produttore : https://www.babycomp-it.org/it/index.html
Non son stata retribuita in nessun modo per parlare di questo marchingegno, ma è una sana esperienza personale che volevo condividere.



lunedì 2 dicembre 2019

CREMA DI CASTAGNE SPALMABILE

Ciao a tutti,

oggi prepariamo una golosissima crema dolce spalmabile. Facile, veloce, economica, vegan e senza zuccheri aggiunti.
Non so se avete dato un'occhiata sugli scaffali dei supermercati ma le creme di marroni contengono generalmente metà crema del frutto e metà zucchero (o peggio ancora sciroppo di glucosio o altro). Quindi,per quanto mi riguarda, possono rimanere là a prendere polvere.

Ingredienti per un vasetto :

- 25 castagne medie ( o marroni) circa lessate o cotte al vapore
- 5 datteri al naturale
- latte di riso
- una punta di polvere di vaniglia

Noi qui a casa abbiamo inciso e cotto al vapore le castagne per una ventina di minuti, poi aperte per ricavarne la polpa; ma se volete alleggerirvi il lavoro potete prendere le castagne secche, ammollarle e cuocerle.
Frullare le castagne a pezzetti (devono essere belle morbide), con i datteri e la bevanda di riso necessaria a dare la giusta consistenza. Ora si può aggiungere la vaniglia (non la vanillina mi raccomando).

In frigo si conserva almeno 4-5 giorni, di più non saprei dire poichè a noi non dura a lungo!