Visualizzazione post con etichetta alimenti crudisti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta alimenti crudisti. Mostra tutti i post

lunedì 18 novembre 2019

"BISCOTTONI" CRUDISTI ENERGETICI

biscotti senza forno crudistiCiao a tutti!


Oggi realizziamo questa delizia con pochi ingredienti ma tanta soddisfazione.
Io li adoro di inverno, magari me ne porto uno in borsa per fare merenda.






Ingredienti per 5/6 biscotti abbastanza grandi:

- 3 banane molto mature (avete presente quelle in sconto perchè molto mature? quelle)
- 5 datteri a pezzetti o una manciatina di uvetta
- una manciatina di frutta secca a piacere grossolanamente tritata
- 2 cucchiai di cacao amaro in polvere o cocco rapè (facoltativo)*
- 6 cucchiai circa di fiocchi di cerali (anche sola avena se preferite)

*Se non mettete il cacao calcolate un cucchiaio in più di cerali in fiocchi.

Schiacciare la banana con la forchetta (non con il mixer poichè diviene troppo liquida), amalgamare datteri, frutta secca (nel mio caso arachidi) e cacao col cucchiaio. Quando il composto è uniforme aggiungere gradualmente l'avena.
Ora avremmo un composto cremoso ma abbastanza denso ( non durissimo).

A cucchiaiate o con l'aiuto di un coppapasta formare i nostri biscotti, tenendo lo spessore di circa un cm. Io li dispongo su un piano antiaderente dell'essiccatore (o un foglio di carta forno) e faccio essiccare per 5-6 ore a 50°C. Poi dipende che risultato vogliamo ottenere : per un biscotto più croccante servirà più tempo... Per uno morbido, come lo preferisco io, basterà quello indicato.

 A metà cottura con una palettina giriamoli, questo li renderà asciutti uniformemente e velocizzerà un pò il tutto. In questa operazione bisogna essere delicati poichè saranno ancora piuttosto morbidi... Ma no, non temete, poi si sistemano.

Se non possedete un essiccatore, sono certa si possa fare anche in forno tenendolo al minimo e controllando spesso. Oppure se proprio avete fretta a 180°C per circa 20 minuti.

Conservare in frigo.





venerdì 1 dicembre 2017

CREMA ALLE NOCI E CANNELLA (CRUDISTA)

Buongiorno a tutti,
oggi vi propongo una ricetta semplice (come quasi sempre) e crudista. Sfrutto un contest lanciato dalla rivista mensile "WE VEG".
L'unica "rottura" è mettere in ammollo le noci per almeno 5-6 ore.

crema noci cannella senza glutine crudistaCi occorrono:
(per una porzione)

- 50 gr di noci (ammollate almeno 5-6 ore)
- 50 ml circa di acqua
- dolcificante (a scelta tra : 2 datteri ,un  cucchiaio di uvette ammollate o un cucchiaio di malto)
- cannella
- melograno

Con un mixer abbastanza potente frullo le noci, il dolcificante scelto, l'acqua e un pizzico di cannella.
Dispongo su un piatto la crema ottenuta aiutandomi con un coppapasta, presso con un cucchiaino e sformo il dessert. Decoro infine
il piatto con i semi di melograno e la cannella.
(Se non lo servite subito riporlo in frigorifero)

lunedì 12 giugno 2017

CRACKERS AI SEMI DI LINO

Buongiorno a tutti!

crackers crudisti semi di lino


Oggi propongo delle sfogliette croccanti a base principalmente di semi di lino... Avevo già visto da qualche parte questi snack ma non avevo mai avuto occasione di assaggiarli (e voglia di farli).
L'altro giorno ne abbiamo assaggiato un pacchettino preso in coda al supermercato bio (si, fame!) e li abbiamo trovati deliziosi! così guardando tra gli ingredienti ho provato a riprodurli a casa e il risultato è stato ottimo. Serve davvero poco:

crackers crudisti semi di lino fai da te

- semi di lino tritati (in un mixer potente o macinacaffè)
- pomodori secchi (o nel mio caso polvere di pomodoro essiccato)
- aromi a piacere ( io ho messo origano, aglio, cumino, paprika)
- un pizzico di sale




Unisco gli ingredienti in una ciotola, aggiungo un pochino d'acqua (pochissima per volta), sino a ottenere un impasto sbricioloso ma che rimane compatto se schiacciato.
Posiziono "l'impasto" ottenuto tra due fogli di carta forno e stendo una sfoglia abbastanza sottile.
A questo punto io lo ho sistemato in essiccatoio a bassa temperatura per 2-3 ore, ma potete ovviamente metterlo nel forno al minimo stando attenti a non bruciare tutto... Il tempo è indicativo poichè dipende dalla temperatura impostata e dal grado di umidità del composto.

Una volta pronti si conservano tranquillamente in contenitori ermetici,

Io li adoro da sgranocchiare... Un pò come fossero patatine o da aggiungere alle insalate.

Ovviamente si possono fare in mille "gusti" diversi!

giovedì 13 aprile 2017

INVOLTINI VIETNAMITI

Ciao a tutti!

involtini vietnamiti fogli riso crudi



A marzo sono stata al FESTIVAL DELL'ORIENTE ... Che dire un evento magnifico, che per me da anni è diventata una meta fissa, fà tappa in tante città e se avete l'occasione secondo me dovreste partecipare.
Bancherelle, ristoro da tutto il mondo, eventi, balli e musica, workshops, conferenze e chi più ne ha più ne metta! Dico una cosa sola e poi passo al tema del post : quest'anno delle bellissime donne orientali sorridenti ci hanno accolto dipingendoci sulla fronte un piccolo cerchio rosso (bindi) e salutandoci con un rametto di orchidea.

Io generalmente assaggio cibo un pò ovunque "spizzicando" in continuazione.. e ho scoperto questi cosini deliziosi, geniali e allo stesso tempo semplicissimi :gli involtini vietnamiti.
Qui erano preparati al momento con una velocità incredibile e farciti di: spaghetti di riso, verza, carota, arachidi tostate e insalata.. ma ci si può mettere dentro la qualunque.
Si possono poi intingere nella salsa di soia tradizionale o dove più ci aggrada:

Per prepararli a casa ho usato:

- fogli di riso tondi
(ce ne sono di più misure, io li acquisto nei bazar etnici)
- verdure a fettine sottili o meglio ancora a julienne
- porro o cipollotto o erba cipollina
- germogli

involtini vietnamiti fogli riso crudiPasso delicatamente i fogli di riso (uno a uno) sotto acqua tiepida alcuni secondi e li adagio sul piano. comincio a farcirli rimanendo sul centro del tondo.
Quando sono abbastanza morbidi comincio a rigirarli: prima piego i due lembi laterali, chiudo con la parte sottostante avvolgendo tutto il ripieno e infine finisco di arrotolare sulla parte alta rimasta distesa. E' più complicato dirlo che farlo mi auguro che le foto spieghino meglio! Se non fosse così optate per un video su youtube!

Ora semplicemente con un coltello affilato a lama liscia li taglio a metà e servo con crema di arachidi o salsa di soia.

A mio avviso sono una bellissima alternativa per gustare le verdure crude, attenzione solo a non prepararli con troppo anticipo altrimenti i fogli di riso si andranno a incollare!

involtini vietnamiti fogli riso crudi

martedì 14 luglio 2015

FETTUCCINE ALLA CARBONARA (CRUDISTE)

Ciao a tutti!

a distanza di anni finalmente pubblico anche io un post dedicato alla 'pasta crudista' fatta semplicemente affettando zucchine.
Pratica, leggera, versatile, adatta a tutti. Anche ai pastai convinti come me.

pasta di zucchine crude ricetta vegan

La ricetta che vi segnalo l'ho trovata su un giornaletto mensile  che si chiama "WE VEG".
Piccolo, spartano, passa inosservato ma a me piace un sacco. Mi dà tantissime idee; tra l'altro tutte vegan (a differenza di altre riviste molto più blasonate).
Ho applicato qualche modifica all'originale; questa è la mia versione.

Per due persone mangione ci servono:

Per la pasta:
- 2 zucchine

Per il condimento:
- mezzo peperone giallo
- mezza (o anche meno) cipolla rossa dolce
- sale, pepe, curcuma, paprika (ottima quella affumicata)
- 1 cucchiaio di salsa di soia
. 1 cucchiaio di succo di limone
- 4 pomodori secchi (ammollati precedentemente)
- un filo d'olio extravergine

Per la pasta ci sono attrezzi magici che in due secondi trasformano la zucchina in perfette tagliatelle/ spagnetti. Io non lo possiedo così mi arrangio con il pelapatete, facendo roteare la zucchina formando delle tagliatellone più larghe ma ugualmente sottili che si aggrapperanno benissimo al sugo.

Nel frullatore mettiamo il mezzo peperone, la cipolla a tocchetti, succo di limone, salsa di soia e se occorre un goccino d'acqua. Andiamo poi

a correggere con pepe, curcuma e solo se occorre sale.
Amalgamare le fettuccine con l'intingolo creato e servire con pezzettini di pomodoro secco,un filo d'olio, una spolverata di paprika... E ora che ci penso ci cade benissimo anche qualche fogliolina di prezzemolo.

sabato 31 gennaio 2015

TARTUFI

Ciao a tutti!
 

Questi tartufi sono in connubio tra il dolcetto di fine pasto e la sanissima frutta secca, ottimi comunque un pò per tutte le occasioni.
Ci si può sbizzarrire mischiando insieme un sacco di cose.

Le mie "versioni" di maggior successo sono queste:

- una manciatona di nocciole (circa 30 grandi)
- una presa di uvette
- vaniglia in polvere (facoltativa)
- un cucchiaino di malto scarso
- cacao amaro

Frullare insieme a massima potenza uvetta e nocciole, unire un pizzico di vaniglia e il malto (o se volete creare un dolce crudista succo di mele o uva o agave), mescolare con le mani.
Otterrete un composto un pò appiccicoso, formate delle palline e rotolatele nel cacao amaro.
Oppure si può unire il cacao amaro all'impasto e formare delle palline meno appiccicose che non necessitano del "rivestimento".

____________________________________

- una manciata di mandorle
- vaniglia in polvere (facoltativa)
- un cucchiaino scarso di malto
- cocco in scaglie o "rapè"


Frullare a massima potenza le mandorle, unire un pizzico di vaniglia e il malto (o se volete creare un dolce crudista succo di mele o uva o agave), mescolare con le mani.
Otterrete un composto un pò appiccicoso, formate delle palline e rotolatele nel cocco.
Oppure si può unire il cocco all'impasto e formare delle palline meno appiccicose che non necessitano del "rivestimento".

____________________________________

- una manciata di anacardi (o noci del brasile)
- un cucchiaino scarso di malto
- semi di sesamo


Frullare a massima potenza gli anacardi , unire il malto (o se volete creare un dolce crudista succo di mele o uva o agave), mescolare con le mani.
Otterrete un composto un pò appiccicoso, formate delle palline e rotolatele nel sesamo.

____________________________________



In tutti e tre i casi io ripongo le praline qualche ora nell'essiccatoio al minimo per renderle più "robuste". Ma non è obbligatorio!
Conservo i dolcetti ottenuti in una scatolina a chiusura ermetica nel frigorifero e durano davvero molto... Beh, una settimana al massimo a casa mia! ^_^





sabato 10 agosto 2013

GELATO 100% FRUTTA

Ciao a tutti!

E' un pezzo che non riesco a ritagliare un angolino per scrivere... Sto diventando un poco schifettosa anche sui blog che frequento ... Non lascio neanche più commenti ! Arriveranno momenti un pò meno frenetici ^-^

Oggi voglio parlare del gelato di frutta crudista. Non mi riferisco a quello del super o artigianale ma quello che ci possiamo facilmente realizzare a casetta nostra. Ci sono milioni di post sul "raw ice cream" a me ha colpito molto quello della splendida Cesca . A dire la verità lo avevo visto l'anno scorso .. Non ricordo ben dove... questo esperimento di frullare frutta congelata, ma non so perchè non mi ispirava per nulla. Mi sembrava una presa in giro al gelato.

gelato frutta crudista vegan senza zuccheroQuest'anno armata di banane surgelate a tocchetti e frullatore (mio dio che brutta immagine ^-^ ) ho provato ... e cavoliiiiiiiii... una squisitezza! Così un giorno (4 giorni fà per essere esatti e non come mia brutta abitudine dire "l'altro giorno" sia che sia stato ieri sia che un anno fà) ho provato a frullare la pesca congelata e mi si è rotto il mixer. Io e Gian abbiamo maturato l'idea di comprare un aggeggio per fare solo i gelati.

E' saltato fuori l'affarino in foto ... Che funziona a meraviglia e a differenza del mixer rende la frutta ancora più cremosa... Esattamente la consistenza del gelato... Spettacolo!

Poi a onor del vero .. avete mai visto gli ingredienti dei gelati (anche quelli vegan)..??? Molto spesso un sacco di schifezze! Qui abbiamo sollo succulenta fruttina ... E di conseguenza le calorie calano drasticamente... Che non è mai un male ^-^

Ah! quasi dimenticavo ho scritto anche questo post per dire che la macchinetta che ho io da listino costa circa 70 eurini (lo sò caruccia) .. ma da mediaworld è in offerta a 50 (si vabbè ... 49 ... che presa in giro!) così se qualcuno ha mezzo pensiero risparmia una bella fettina del budget.

OK! Torniamo a noi!  Come si usa!?!?!?
Surgelo la frutta ... la infilo nella macchinetta et Voila! pronto!
E' buonissimo così .. Ma se vogliamo fare i raffinati possiamo aggiungere un sacco di cose (es. cacao, fondente, granelle varie, sciroppi .. ecc ecc.. )
Se aggiungiamo una base di banana surgelata il gelato risulterà sempre più cremoso.


sabato 4 febbraio 2012

INSALATA SEMPLICEMENTE SQUISITA

indivia cappuccio verza spinaci agrumi
ciao a tutti
Io non sono un'amante delle insalate ...Ma ultimamente stò facendo spessissimo questa ... E' buonissima! chiaramente ogni tanto vario le verdure ... quella che propongo mi sembra la versione migliore.


Metto insieme semplicemente:
- finocchio affettato sottile
- verza o cappuccio tagliato sottile
- spinaci /lattuga/ indivia
- mandorle o semi di girasole tostati (entrambi è anche meglio)
- mezzo pompelmo rosa o mezza arancia tagliata sottile

Per il condimento:
- 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
- 1 cucchiaino scarso di senape
- sale, pepe
- mezzo limone o meglio ancora un pò di riduzione d'aceto balsamico

martedì 19 luglio 2011

ESSICCARE LA FRUTTA AL SOLE

frutta essiccata al sole fai da teCiao a tutti
Quando ho abbondanza di frutta cerco di ridurre lo spreco al minino, una parte la do agli amici e una parte la faccio disidratare al sole (oltre a quella che consumiamo fresca) ... così magari questo inverno mi potrò gustare fichi ed albicocche :)
Io mi sono organizzata così: mettendo della zanzariera di plastica sulla base di una vecchia base di legno da tela fissata con le graffette della sparapunti o chiodini. L'ho lasciata molto lunga su un lato in modo che andasse a coprire la frutta...tipo lenzuolo (tenendo così lontano i vari insettini).
Ho provato anche con una cassettina di legno a fare la stessa cosa e funziona perfettamente.
Metto la frutta a fette (non troppo sottili) espongo al sole ... e con la temperatura che c'è stata in queste settimane ... 7-10 giorni ed è pronta. Bisogna solo avere l'accortezza alla sera di ripararla in casa ... Per poi riesporla il mattino successivo.
Ho fatto varie ricerche per capire quando la frutta è "pronta" per essere riposta in vasi/sacchetti ...  "quando spezzandola rimane gommosa ma non sprigiona acqua, si sarà all'incirca dimezzata di volume "... questa è stata la risposta più azzeccata.

venerdì 27 maggio 2011

GHIACCIOLI AUTOPRODOTTI

ghiaccioli fai da te fatti in casaCiao a tutti!
I ghiaccioli con queto caldo sono davvero di conforto :) e in più ci vuole pochissimo per farli da soli ! Vi serve la frutta (o il succo) , latte di soia (o anche acqua) e gli stampini per il ghiaccioli (ormai in vendita ovunque).

Io ne ho preparati due versioni momentaneamente :
- acqua, succo di limone e zucchero d'uva
- latte di soia, fragole e malto di riso (frullati insieme)

A dire la verità avevo provato l'esperimento anche con un kiwi ... ma non è venuto buono come lo aspettavo :/
Considerate che il liquido gelando perde di dolcezza ... quindi state abbondanti.
Io continuo a sperimentare ... se lo fate anche voi fatemi sapere :)




(Ovviamente mentre scrivo questo post qui si è annuvolato, e stasera danno pioggia. Che tempismo !
Pazienza sono sicura che tornerà utile durante l'estate,)

giovedì 24 marzo 2011

SEDANO CON SALSA AL PREZZEMOLO


Ciao a tutti
Qualche settimana fà sono andata a una cena vegan-crudista dove ho potuto ascoltare il grande Valdo Vaccaro (se non lo conoscete ... vi consiglio di leggere le sue tesine!)... Li ho assaggiato (in mezzo a una miriade di cose) come aperitivo questo sedano che a casa ho provato a riprodurre.
ricetta sedano crudo,sedano ricettaPartiamo dalla salsa ... si frulla un bel pò di prezzemolo insieme a olio e mandorle (che non c'erano nella ricetta originale)... quando avrete una bella salsina aggiungiamo un pizzichino di sale. Prendiamo ora il sedano e lo peliamo dalla parte esterna con un pela-patate (per evitare i fastidiosissimi filini) e riempiamo la parte incavata con la salsa. Secondo me è un ottimo aperitivo-contorno per l'estate. Veloce e fresco.

martedì 11 gennaio 2011

GERMOGLI AUTOPRODOTTI

Ciao a tutti!
I germogli sono freschi , buoni e fanno bene. Arricchiscono qualunque piatto, anche una semplice insalata :)
Possiamo crearci il nostro "germogliatore" senza dissanguarci comprandone uno. Io illustrerò il metodo del vasetto, perchè per me è quello più veloce e pratico, ma potete costruirne uno adatto a voi. La cosa importante è che i semini possano essere risciacquati (e sgocciolati) senza perdersi, che passi aria ma non luce e che il contenitore sia abbastanza ampio.

Per il vasetto-germogliatore ci occorre un vaso di vetro grande (io ne ho scelto uno enorme che era delle olive) un elastico e una retina ( io ho usato un pezzetto di tulle ma và bene anche un pezzetto di zanzariera).
germogli autoprodotti in casaMettere i semi prescelti per i germogli (nel mio caso i fagioli mung, ma ce ne sono tantissimi adatti) sul fondo del barattolo (non più di due dita) e versare abbondante acqua lasciandoli re-idratare per una notte. Il mattino seguente fissare la retina al bordo del coperchio con un elastico,risciacquare i semini sotto acqua corrente, posizionale in vaso in perpendicolare in modo che l'acqua scoli e coprire con un canovaccio in un luogo tiepido. I germogli vanno sciacquati 2 volte al giorno per 5-6 giorni fino a che saranno pronti. Ricordare alla fine di coprirli con un canovaccio perchè devono stare al buio (proprio come succede sotto terra).
Se l'avete in casa, potete aggiungere un cucchiaino di argilla verde nell' acqua della re-idratazione che aggiungerà minerali importanti ai semi e verrà volta per volta sciacquata via (quindi non la mangerete!).
Non abbiate fretta che crescano, godetevi la vista :)


Una volta pronti poneteli alla luce per una decina di ora per caricarli di forze ed energie !