Visualizzazione post con etichetta comunicazioni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta comunicazioni. Mostra tutti i post

venerdì 2 agosto 2019

A COME ALLEVAMENTO

Ciao a tutti!
Condivido un altro articolo di Gian... Questa volta sugli orrori degli allevamenti (intensivi e non).
La lettura rende meno facile lavarsi la coscienza dicendo di comprare la carne del contadino, del macellaio di fiducia oppure bio. Nessuno vuole morire.

allevamenti animali vegetariano vegano


Allevamenti Intensivi, biologici, all’aperto, a conduzione famigliare … non cambia niente perché il risultato alla fine è sempre e solo la morte , che per questi poveri animali è quasi una liberazione dalle sofferenze che sono stati costretti a subire durante tutto il periodo che ,con un certo coraggio, chiamiamo vita.

Non esiste un modo dignitoso per morire, è inutile girarci intorno: chi consuma prodotti animali, spesso per togliersi un peso dalla coscienza, si auto convince che le mucche al pascolo stanno bene così come i polli e le galline allevate a terra hanno i loro spazi, che i maiali allevati allo stato semi brado fanno una bella vita.

Ovviamente la pubblicità e il marketing (campi in cui i settori che sfruttano gli animali investono parecchio) puntano a far credere che sia veramente così ma fermiamoci un attimo a riflettere:
Quale donna accetterebbe passivamente di essere violentata ogni 9 mesi e ogni volta che nasce il figlio che le venga strappato e portato via e il latte (a lui destinato) le venga tolto (con metodi piuttosto dolorosi) due volte al giorno? E quando diventa poco produttiva viene portata al macello? Questo è quello che succede alle mucche, alle capre, alle pecore e a tutte le femmine di mammifero;
Quale uomo resterebbe tranquillo e sereno dopo che gli sono stati tagliati i testicoli, strappati i denti (ovviamente senza anestesia perché costa troppo) ,tenuto assieme a suoi simili in spazi ristretti e fatto ingrassare per pochi mesi, caricato su un camion e portato in un posto dove sente l’odore del sangue ovunque e vede morire uno dopo l’altro i suoi fratelli davanti a lui, viene a malapena stordito e poi sgozzato e buttato nell’acqua bollente ,a volte ancora vivo ? Perché succede ai maiali prima che diventino quello che normalmente viene chiamato “prosciutto, mortadella, salsicce , ecc. ecc.”;
 ⦁ Quale bambino non subirebbe un trauma se fosse strappato dalla madre appena nato e ucciso a pochi mesi (se maschio) o seguire la sorte della madre (se femmina) cioè vedi punto 1? Perché questo è quello che succede a chi nasce agnello / vitello;
Quanti tra voi accetterebbero di passare la vita dentro delle gabbie ed essere uccisi in una camera a gas o con una scarica di energia elettrica che passa dall’ano per non farvi rovinare il pelo? E’ questo infatti il destino riservato agli animali “da pelliccia” (principalmente visoni ma anche cincillà) ;
Una gallina in media (a seconda della razza) vivrebbe in natura da 5 a 10 anni, alcune arrivano a 20. Negli allevamenti dopo circa un anno vengono macellate per scarsa produttività. Un coniglio “da carne” in natura può vivere fino a 7-8 anni, in un allevamento (anche amatoriale) vengono uccisi massimo a 120 giorni, come dire: altro che pensione……….
L’assenza di suoni emessi non significa mancanza di sofferenza: chi sarebbe contento di trovarsi la bocca bucata e messo in condizione di non respirare? Questa è la situazione in cui si trovano i pesci presi all’amo, così come quelli pescati con le reti o allevati alla fine muoiono tra indicibili sofferenze e accumulando generose quantità di metalli tossici, risultato dell’inquinamento indiscriminato e sempre più in aumento che viene riversato in mare ogni giorno.

Negli ultimi anni la gente fa più attenzione alla (propria) salute e sempre più persone si chiedono se quello (anzi CHI) che mangiano è sano, da dove arriva e di conseguenza comunicazioni come “negli allevamenti di suini e bovini adulti abbiamo ridotto l’uso di antibiotici fino a eliminarli negli ultimi 4 mesi” oppure “tutto il pesce di allevamento non ha subito trattamenti con antibiotici negli ultimi 6 mesi di vita”  (1) rappresentano un incentivo all’acquisto di questi “prodotti”. Quello che non viene pubblicizzato è che i suini magri per consumo diretto vengono macellati all’età di 5-7 mesi e un peso di 100-110 kg, i suini pesanti a un anno di età e un peso di 150-160 kg (2) mentre i bovini adulti oltre i 12 mesi ma non oltre i 24. (3)

E’ ovvio che questo approccio verso chi condivide il mondo con noi umani non è sostenibile da un punto di vista etico e ambientale ma neanche salutista, infatti il consumo di prodotti animali è collegato ad aumenti più o meno elevati di patologie invalidanti (infarti,ictus,diabete,osteoporosi,malattie neurodegenerative,obesità)fino a condurre ad una morte prematura. Le patologie cardiovascolari e l'obesità sono in diretta relazione con il consumo di cibi ricchi di grassi saturi (cibi di origine animale) che fanno depositare il colesterolo nelle arterie; è utile sapere  i cibi di origine vegetale sono poverissimi di grassi saturi. (4)

E’ altrettanto ovvio che gli allevamenti, in una civiltà che si professa moderna ed avanzata, non dovrebbero esistere; è doveroso tenere presente che quello che stanno subendo adesso gli animali non è molto diverso dall’olocausto subito dagli ebrei.
E’ una provocazione? Sicuramente si ma le similitudini sono troppe per non far scattare il dubbio: ad esempio cosa c’è di diverso tra le baracche dove erano tenuti prigionieri ebrei zingari omosessuali ecc. e i capannoni dove sono stipati polli e tacchini o le stalle piene di mucche? Esiste forse differenza tra viaggiare ammassati in un vagone del treno o in un camion?

1 https://www.e-coop.it/alleviamolasalute/pesce

2 http://www.rivistadiagraria.org/articoli/anno-2008/suini-tecnica-di-allevamento/

3 https://www.newsfood.com/classificazione-nazionale-dei-bovini-da-macello/

4 https://www.saicosamangi.info/salute/patologie-cibo-animale.html

venerdì 12 luglio 2019

SCELTA E CURA DEL TATUAGGIO


tatuaggio vegan cura naturaleCiao a tutti,


oggi parliamo di tatto, o meglio nel dettaglio della scelta e della cura del tatuaggio. Io ho iniziato a tatuarmi qualche anno fà (qundi stando alle medie di età piuttosto tardi) e da allora di tanto in tanto aggiungo parti alla mia personale mappa dei tatuaggi, sono diventata un'appassionata (siamo in realtà io e Gian). 
A me piacciono molto sia esteticamente, sia per quello che mi trasmettono. Quando incontro una persona che ha un tatuaggio mi interrogo sempre su cosa voglia dire, su come sia arrivato a farselo, ecc... E' come l'inizio di una caccia al tesoro.
Non dimenticherò mai come in un certo periodo della mia vita il fatto di avere impresso nella pelle del semplice inchiostro mi abbia fatta sentire meglio, quando mi è stato tolto quasi tutto ... Sentivo che ero ancora io e ce la potevo fare. 
Ci sono molte ragioni che ci portano a imprimerci sulla pelle un simbolo, un'immagine, una frase ... Ognuno ha la sua storia e trovo inutile mettersi a discutere su raccomandazioni bigotte e commenti non richiesti con citazioni del tipo : "Guarda che è per tutta la vita", "E se poi te ne penti", "Chissà cosa pensa di te la gente", " Attenzione alle malattie", ecc.. ecc..

Trovo invece utile focalizzarsi su alcuni punti:

- SVILUPPARE  L'IDEA
Non occorre essere artisti ! Dobbiamo sapere esattamente cosa vogliamo. Possiamo buttare giù disegni, fare ricerche in rete, attingere da tatuaggi simili che personalizzeremo poi in seguito.
Inutile dire che specialmente su simboli e scritte straniere dobbiamo essere certi sul significato, anche quello più profondo per non avere poi addosso qualcosa che non avevamo considerato e non sentiamo nostro.
E poi pensiamoci, molto bene.

- TROVARE UN TATUATORE/TATUATRICE 
tatuaggio vegan cura naturale tattooChe oltre a piacerci come persona (dobbiamo intenderci subito e sentirci a nostro agio), deve avere uno stile che ci piace... Chiediamo di curiosare dai suoi lavori e facciamoci fare un bozzetto di quello che vorremo (o che pensiamo di volere). Dalla carta alla pelle cambia molto.. Ma così giusto per aver un'idea.
Ovviamente le eccezioni ci sono, ma di norma un tatuatore più "navigato" sà il fatto suo e farà in modo che il vostro tatuaggio regga negli anni nel migliore dei modi oltre che a essere esattamente quello che volevate (se non addirittura meglio). A mio parere non vale la pena risparmiare con il rischio di avere un lavoro fatto male.
Consideriamo che spesso è necessario prendere appuntamento mesi prima.

- ASSICURARSI CHE I COLORI UTILIZZATI SIANO VEGAN E CRUELTY FREE
Ormai quasi tutti i colori per tatuaggi non sono testati, ma non tutti (anche se molti per fortuna) sono vegan (la glicerina non è sempre vegetale e alcune colorazioni sono ottenute da pigmenti di origine animale). Sempre bene chiedere al professionista scelto quali utilizza e poi documentarsi tramite il web.

- MATERIALE STERILE, AGO APERTO DAVANTI AI NOSTRI OCCHI
Su questo non transigete. Io consiglio sempre di rivolgersi a un studio che goda di buona reputazione (è facile coi social capire se i clienti sono contenti) e non a una persona alle prime armi che magari lavora in casa. Attrezzatura sterile, colori versati appositamente per noi, guanti, pellicola di copertura sulle superfici di contatto (panche, braccioli, sedie).


Una volta che avremo impresso sulla pelle la nostra creazione non ci resta che prendercene cura al meglio, specialmente nei giorni successivi. Usciremo dallo studio con la parte del corpo selezionata gonfia, rossa, dolente e spurgante. E' tutto normale .. Non dimentichiamo mai che per il nostro corpo è una ferita. E come tale viene trattata.
Teniamo otto/dieci ora la pellicola che ci avranno applicato.

Ci sono due scuole di pensiero per i tre giorni successivi:

- Sostituire tre/ quattro volte al giorno la pellicola (quella per alimenti, magari femandola con del nastro carta) dopo aver sciacquato il tatuaggio con un pò di sapone neutro, tamponato e messo un velo di crea idratante (meglio senza olii essenziali o profumazioni) o burro di karitè o olio.
A meno che il tatuatore non ci abbia applicato uno speciale cerotto adesivo che per tre giorni possiamo dimenticare ... Anche se poi toglierlo non è simpatico. E' molto adesivo e aderente. Comunque a quel punto dovremmo sciacquare bene, lavare e idratare.

- Togliere la prima pellicola (quella messa dal tatuatore) e tenere solo pulito e idratato al bisogno avendo molta cura di non prenderci contro e indossare magari abiti in fibra naturale.

Per l'ultimo tatuaggio io ho adottato la seconda tecnica (consigliatami) e mi sono trovata piuttosto bene, penso sia guarito più velocemente e spurgando meno.

Trovo che le creme vedute negli studi o anche in profumeria "per tatuaggi" non abbiano niente di eccezionale che ne giustifichi il prezzo, ma se vogliamo comunque acquistarle ricordiamo di controllare l'INCI per non immettere sulla pelle schifezze quali petrolati, paraffine, sostanze di sintesi e magari neanche sostanze di origine animale :) .

tatuaggio vegan cura naturale tattooIl tatuaggio nel corso di sette/quindici giorni si spelerà in superficie è tutto normale, vedrete che alla fine riaffiorerà bello e nitido (si,come una fenice). Se qualche linea o parte dovesse risultare meno marcata potrete dopo un mese andare a far riprendere il lavoro dal tatuatore e perfezionare se qualcosa non convincesse. Ma certamente un professionista ve lo dirà!

Concludendo, in genere è sempre meglio optare per zone che con l'età non si rilassano, più le parti anatomiche sono esposte più sbiadiranno o saranno a rischio di graffietti o altro. 
Ovviamente ci sono zone più o meno dolorose e zone adatte e non adatte per certe tipologie di disegno ma di questo vi accorderete al momento di pianificare il progetto quando andrete in studio. Ognuno fà poi le sue considerazioni personali.

C'è anche da dire che nella peggiore delle ipotesi (il tatuaggio non ci piace o si è molto rovinato) potrà essere ripreso, corretto o studiato per essere totalmente coperto o completamente stravolto. 
Ma se non arriviamo a questo è meglio :)
Ah dimenticavo! Ci sono anche tecniche laser molto costose per rimuovere il tattoo... Ma sinceramente non ne sò nulla e neanche ne voglio sapere. A voi la rete nel caso siate interessati.

martedì 2 luglio 2019

V COME VIVISEZIONE

Ciao a tutti,
voglio condividere un bellissimo scritto di mio marito Gian, sperando di darvi informazioni nuove e dati su questo tristissimo tema : la vivisezione.
vivisezione sperimentazione animale cruelty free scienza obsoleta
In foto una delle mie stupende rattine, "scarto" di esperimenti universitari

V COME VIVISEZIONE

La Vivisezione esiste, chi la pratica la chiama sperimentazione animale ma in realtà ogni giorno migliaia di animali vengono torturati invano negli stabulari e nei laboratori con lo scopo  dichiarato (ma che in realtà si dimostra un completo fallimento) di cercare una cura per qualche male incurabile che spesso ci siamo procurati con le nostre mani, male che in una civiltà saggia si sarebbe evitato.
Quante volte avete letto/ sentito qualcosa del tipo:
“i test su animali hanno dato esito positivo , a breve la sperimentazione clinica sull’uomo”
“il farmaco è stato testato con successo sui modelli animali, la ricerca proseguirà su dei volontari”

Le informazioni sui fallimenti della vivisezione le possiamo trovare soprattutto sui bugiardini, di seguito alcuni esempi tratti dal sito www.novivisezione.org (1) :
1) Forane (anestetico)
Gravidanza:
Degli studi fatti sul ratto non hanno mostrato alcun effetto nocivo sulla fertilità, la gestazione, il parto e sulla vitalità dei nati. Medesimamente, esperimenti fatti sui conigli hanno prodotto coniglietti vitali, nonchè uno sviluppo fetale normale. Si ignora se il risultato di questi studi sia applicabile all'uomo. Poichè non esiste esperienza valida sulla donna incinta che abbia ricevuto questo farmaco non è stato possibile stabilire la sua sicurezza nella gravidanza".
2) Foy, 100 mg (Gabelato Mesilato) (polvere e solvente per soluzione per infusione)
ottobre 2003
Precauzioni d'uso: In alcuni studi condotti nel cane a dosi elevate si è osservata una riduzione del tempo di tromboplastina parziale. Tale evento non è stato finora osservato durante la terapia con Foy nell'uomo.
3) Aliflus spray (trattamento regolare dell'asma)
dicembre 2004
Dati preclinici di sicurezza: [...] Negli studi sulla riproduzione animale i glucocorticoidi hanno mostrato di indurre malformazioni (palatoschisi, malformazioni scheletriche). Tuttavia questi risultati sperimentali nell'animale non sembrano avere rilevanza per quanto riguarda la somministrazione nell'uomo alle dosi raccomandate.
Un altro esempio di quanto sia pericolosa la vivisezione lo possiamo trovare qui
"Il benzene non venne ritirato dal mercato, e si è continuato a utilizzarlo come componente chimico industriale nonostante prove cliniche ed epidemiologiche avessero dimostrato che l’esposizione ad esso provoca la leucemia negli esseri umani, perché esperimenti finanziati dai produttori non sono riusciti a riprodurre la leucemia nei topi.  Lancet, June 25 1977, pp1348-9."(2)
Tutto questo è finalizzato ad avere sempre più finanziamenti, a dare speranza a poveri malati per farli continuare ad acquistare farmaci e quindi generare vendite e fatturato per le multinazionali della medicina.

I vivisettori usano frasi ad effetto per nascondere i loro crimini, ad esempio “le scimmie condividono con l’uomo il 98,5% (3) del patrimonio genetico”. E quindi? E’ un buon motivo per torturare un essere vivente usare la scusa del dna simile?
"Il farmaco antidolorifico e antodepressivo Bia 10-2474, prodotto dall'azienda portoghese Bial, fosse già stato abbondantemente sperimentato, come previsto dalla normativa, sugli animali. Inclusi gli scimpanzè, evolutivamente tanto vicini a noi"  (4)

Purtroppo la vivisezione non esiste solo in ambito medico ma di questo magari parleremo un’altra volta, oggi voglio mettere l’accento su questo particolare aspetto.

Durante il regime nazista, nei campi di concentramento centinaia di migliaia di ebrei, omosessuali, zingari, disabili (in pratica i “diversi”) venivano torturati e uccisi da sedicenti “medici”. Articolazioni fratturate più e più volte per vedere come guarivano, iniezioni di sostanze per vedere l’effetto e così via con altre atrocità. I sopravvissuti venivano uccisi al termine degli esperimenti. Sicuramente qualche progresso in campo medico si sarà visto, ma lo possiamo considerare giusto?
Giorni nostri: sappiamo per certo che in diverse università italiane e in centri privati a dei conigli vengono fratturate le zampe più e più volte per vedere come si saldano le ossa (a volte   vengono usate placche in titanio ,quelle che usano i dentisti per capirsi) , una volta terminato il ciclo di esperimenti vengono uccisi.

I ratti e i topini sono tra gli animali più utilizzati nella vivisezione. A logica verrebbe da chiedersi se sia perché hanno il 98% (topi) del dna in comune con l’uomo? NO. Ne vengono “usati” (perdonate il brutto termine) così tanti perché costano poco, sono piccoli (quindi stanno in poco spazio) e si riproducono più volte l’anno e in grandi quantità. Molte associazioni per la ricerca di cure contro varie malattie (es. cancro, parkinson, alzheimer) avviano delle ricerche di medicinali “miracolosi” che vengono testati su animali, principalmente appunto ratti e topi. Con un grande sforzo lascio da parte la questione etica-morale e sotterro un attimo l’antispecismo, con quale criterio un malato dovrebbe aver fiducia su un farmaco testato su centinaia di animali che  hanno poco in comune con l’umano?
RATTI: pesano circa 3-400 grammi, sono lunghi 25-30 cm coda compresa e hanno una vita media di 2,5 anni  TOPI :peso 100 grammi al massimo, misurano 15 cm e vivono circa 3 anni
Di seguito alcuni esempi su sostanze che hanno effetti opposti sull'uomo rispetto agli animali (5) :

-  Acido ascorbico (Vitamina C):teratogeno nei roditori,n on teratogeno per l'uomo
- Antibiotici: Tossici in criceti e cavie, non tossici per l'uomo
- Baclofen (Corea di Huntington): terapeutico nei ratti, non terapeutico per l'uomo
- Fenilbutazone (antinfiammatorio): non causa anemia aplastica nei ratti, causa anemia aplastica sull'uomo  (10.000 morti)
Sostanze tossiche negli animali ma commercializzate:
- Ciclizina Cloridrato (antistaminico):teratogeno, fetotossico ed embriotossico in conigli, topi e ratti
- Retinolo (vitamina A): teratogeno nei roditori e conigli
- Penicillina (antibiotico): estremamente tossica nelle cavie
- Propranololo (antianginoso):causa collasso cardiocircolatorio nei ratti e vomito nei cani
Al punto 5 delle fonti (in fondo all'articolo) altri esempi.

Ora dovrebbe venire spontanea la domanda "a cosa serve testare su animali se tanto poi le sostanze vengono messe in commercio lo stesso dopo test su "volontari" (persone molto malate che provano un'ultima possibilità o persone in gravi condizioni economiche pagate per farlo)  umani?
I Test sono condotti su esseri viventi  (cavie animali di varie specie ) costretti a vivere in scatole di plexiglass o gabbie (ambienti sterili o comunque artificiali), alimentati con cibo scadente e non adatto alle esigenze  dei soggetti, fatti uscire solo per essere "utilizzati" dall'operatore o dal ricercatore e ai quali vengono indotti artificialmente tumori, lesioni, virus o sostanze di vario genere per poi cercare un modo per farli guarire o arginare un danno causato volontariamente. Come possono essere affidabili? Sono anti scientifici e pericolosi. Molti medici e scienziati lo affermano da tempo (ad esempio il dottor Stefano Cagno , il dottor Maurizio Calleri, il prof. Bruno Fedi e molti altri che potete trovare sul sito www.limav.org ad esempio).

Abbiamo avuto per alcuni anni un rifugio per animali salvati dalla vivisezione, principalmente ratti, e quasi tutti i decessi erano causati da masse tumorali causate dal fatto che per intere generazioni sono stati selezionati animali predisposti alla formazione di tumori, riprodotti a più non posso tra consanguinei e resi davvero cagionevoli di salute (fisicamente e mentalmente) .  Un patrimonio genetico disgraziato che difficilmente avrebbe originato una vita sana.

Ogni anno milioni di euro vengono spesi per mantenere gli animali negli stabulari ,finanziare gli esperimenti (che spesso durano diverso tempo e richiedono costosissimi esami), pagare tutti gli "addetti ai lavori"insomma alimentare e sostenere una vera e propria macchina da soldi.
Il risultato finale?Una spirale perversa dove le persone e gli animali muoiono tra atroci sofferenze e le multinazionali aumentano sempre più il fatturato, infatti ogni anno guadagnano milioni di euro grazie ai brevetti di nuovi farmaci presentati e immessi in commercio.

Va precisato che non sono assolutamente contrario alla ricerca , infatti esistono varie associazioni che promuovono l'utilizzo di metodi sostitutivi alla vivisezione come ad esempio I-Care (https://www.icare-italia.org/) o l'Associazione Nazionale Volontari Lotta Contro I Tumori (www.mondofamiglia.it/lottatumori). A questo link (http://www.ricercasenzaanimali.org/positive.htm) altre associazioni.

L'obbiettivo è convincere la classe politica che una ricerca senza vivisezione è possibile e può contribuire a salvare molte vite ,sia animali che umane perchè esistono diversi metodi come ad esempio la sperimentazione in vitro o tramite software di ultima generazione che sono molto più affidabili dei test attualmente in uso sugli animali. Ad oggi alcune università italiane stanno iniziando a recepire questo messaggio e si stanno lentamente indirizzando verso l'abolizione della vivisezione.

FONTI:

1 https://www.novivisezione.org/info/bugiardini.htm


2 https://difesasperimentazioneanimale.wordpress.com/2012/07/10/la-lista-dei-50-disastri-della-sperimentazione-animale/


3 http://www.lescienze.it/news/2003/03/06/news/le_differenze_genetiche_fra_uomo_e_scimmia-588415/


http://richiamo-della-foresta.blogautore.repubblica.it/2016/01/18/muoiono-cavie-umane-farmaco-gia-testato-sugli-scimpanze/


5 https://www.novivisezione.org/info/lista_farmaci.htm

lunedì 27 maggio 2019

CRISI E DECRESCITA

Ciao a tutti,
ogni tanto torno al mio blog, è come un rifugio sicuro per me.. Quel posto dove ti senti a casa e hai tutta la libertà che vuoi.
Vorrei impegnarmi a essere più costante per condividere le idee e le piccole scoperte che faccio con chi non le conosce ed essere cazziata :) e corretta da chi ne sà più di me.
Ci sono sempre mille cose da fare e ahimè il blog è sempre negli ultimi posti, quando avanza tempo insomma.
Io attualmente non lavoro (che è molto diverso dal non fare niente) però mi rendo sempre conto che le 24 ore sembrano non bastare mai... Chi la conosce la noia? Tra i miei pargoli da accudire, l'orto, l'autoproduzione sempre più completa,  commissioni varie ed eventuali le giornate sono davvero rìcche. Ma và bene così.
Oggi voglio parlare di un bel tema a cui mi stò avvicinando: c'è chi lo chiama minimalismo, c'è chi lo chiama semplicità volontaria, c'è chiama semplicemente risparmio. E' difficile riassumere in una parola.
Ma se fosse possibile non lavorare tutta la vita ed essere felici perchè alla fine si ha quel poco che occorre? Questo è quello di cui parla Francesco nel suo blog smetteredilavorare.it .
Cercando di riassumere il suo pensiero (e il suo percorso), afferma che bastano molti meno soldi di quello che ci fanno credere per arrivare a fine mese, che tutto il superfluo (se lo vogliamo) possiamo eliminarlo e  con un pò di ingegno e applicazione riuscire a fare entrare nel bilancio familiare quel poco denaro che occorre e lavorare meno, molto meno o addirittura trasformare una nostra passione in lavoro. Senza ritrovarsi a settanta anni con tanti problemi di salute e una pensione ridicola.
Ad esempio lui e la sua famiglia (sono in quattro) vivono con meno di 500 euro al mese attraverso il blog, il canale yt, la sua professione di scrittore e lo studio di registrazione che con i risparmi è riuscito ad avviare. Prima di arrivare a oggi afferma di aver lavorato e risparmiato il più possibile per più di una decina di anni.. Ma ora ha una sua casa, tante passioni avviate (su cui riesce a guadagnare) e cosa più importante una vita serena e felice, una vita libera.
 crisi decrescita felice smettere di lavorareDevo ammettere che all'inizio ero scettica su diversi punti dei suoi ragionamenti vi invito calorosamente ad ascoltarlo o leggerlo, è davvero difficile uscire dalle gabbie mentali con cui siamo stati cresciuti sulle cose che "bisogna" fare.. A volte la società si aspetta da noi un andamento obbligatorio... come corressimo su delle rotaie già segnate: nasci, vai a scuola, ti laurei , trovi lavoro, ti sposi, fai dei figli, lavori, lavori, lavori (avendo bisogno di aiuti per crescere i bambini, per pulire la casa, che ti organizzino le feste, che ti compilino i moduli, che cucinino per te ...perchè tu non ne hai il tempo), vai in pensione e puoi muori.  E' la vita che vogliamo? il nuovo smartphone, una cena stellata? una vacanza da sogno, un villa con piscina, ecc.. ne valgono la pena?
Con questo non voglio affatto dire che sia un percorso facile, ma a mio parere è una via che và provata.
Che senso ha guadagnare tanti soldi se poi non sei felice? Se li puoi spendere nei ritagli di tempo? Se la domenica sei già girato male perchè il lunedì ti rimetti nel traffico e vai in apnea fino a venerdì sera? Ovviamente per fortuna c'è anche tanta gente che è felice e appagata del proprio lavoro, ma onestamente la maggior parte no.
L'unica cosa che non condivido con Francesco al momento è la sua poca attenzione per l'etica nel rispetto animale, nel rispetto dei lavoratori (non è a mio avviso sufficiente optare per il prodotto che costa meno), nella conoscenza di materie prime di buona qualità (parlo per esempio di alimenti integri o integrali che dir si voglia, del tipo di agricoltura usata, nel supportare i produttori diretti del nostro cibo che si impegnano a darci prodotti di qualità). Non ne parla abbastanza.
Ognuno chiaramente sceglie quello che vuole e come lo vuole, per poi accettarne i risultati.
Trovo però sia molto importante sapere che ci sono soluzioni che non abbiamo considerato.
Tutto questo io lo ho accolto come un momento di riflessione, riflessione accurata e profonda sulle cose importanti e sull'impatto di ogni nostra azione.

domenica 22 febbraio 2015

RATTI? SI RATTI, NON GATTI



Nuovo post e niente cosmesi, niente riciclo, niente ricetta. Mi auguro un concetto più profondo.

Spesso quando dico che ho dei ratti, le persone si schifano... e fingono di avere capito che io abbia dei gatti, cercando in quella testolina bacata che solo noi umani nel regno animale abbiamo saputo sviluppare, dandosi una spiegazione logica per che cosa diavolo io possa tenermi in casa.(i gatti si che notoriamente sono animali "da compagnia", non certo i ratti).
Venga messo per iscritto che io non ho nessun problema con i gatti, ma loro come esempio mi fanno comodo in questo momento; quindi mi sento autorizzata a citarli.

Ho imparato (come molti altri) a capire e amare queste creature, così diverse da noi e così uguali.

Oggi abbiamo letto una testimonianza, Federica da Roma che alcuni mesi fà ha adottato 5 ratti maschi dal nostro rifuglio, "Gli Ultimi".  Gli stessi ratti che una nipotina particolarmente ben educata aveva mollato come un pacco alla nonna e successivamente quest'ultima ci aveva chiamati dandoci una sorta di ultimatum altrimenti li mollava nel primo corso d'acqua che trovava. Non descrivo neanche come li abbiamo trovati.

Leggendo abbiamo riso, ci siamo inteneriti, ci siamo quasi commossi. Che meravigliosa vita hanno ora i nostri 5 ragazzini, grazie a persone che sanno vedere il buono anche dove il retaggio culturale lo oscura.

Non aggiungo altro, copio e incollo le parole di Federica, e la abbraccio (per ora solo virtualmente) con tutto il cuore.

______________________________________________________________


Come cominciare. Come descrivere la nostra esperienza, la prima, nonostante una vita tra e per gli animali, con non uno ma cinque rattoni? No, non voglio parlare di noi, delle nostre emozioni. Chi vive con gli animali, percepisce ogni giorno sensazioni delicate e profonde, non ha bisogno di descrizioni da dizionario né di lezioni né di edulcorate semplificazioni romanzate.

In questo momento sto scrivendo al pc e ho tra i tasti una codona penzolante; poco accanto al mouse sento un crocchiare di noccioline americane (qualcuno lascerà i gusci delle arachidi in giro sulla scrivania. Qualcun altro si azzufferà da qui a breve). Sulla spalla sinistra ho un dormiglione baffuto quasi assopito. Ho dovuto distrarli con le noci, altrimenti avrebbero sgambettato sulla testiera coprendo il testo di virgole, punti e consonanti insensate. Ogni tanto li guardo con la coda dell’occhio; cercano di rubare una mela sul tavolo, una mela più grande di loro, trascinandola giù sulla sedia, senza esito. La morderanno direttamente lì, fino a lasciare solo il torsolo. Con l’ananas non ci provano neanche! Con le castagne hanno fatto una strage di gusci questo Natale. Di mandorle non ne parliamo!

Loro, i topastri (non credo gli piacerebbe essere definiti così), si chiamano Dean (si legge Din), Don, Dan, Tatou e Giuseppe. Cinque delinquentissimi roditori. Scalmanati, indisciplinati, divertenti e, a me piace pensarlo, sorridenti.

Giuseppe è il papà, il padre putativo probabilmente, il saggio, lo scaltro. Il grigio, il vecchione, ha circa un anno. Che poi non è più grigio perché a seguito di una breve muta del pelo ha un che di biondo platino. Da pantegana a Barbie. Bah! Giuseppe, Peppone, assaggia per primo i cibi nuovi, li passa ai figli saggiatane la bontà o li tiene per se stesso, se troppo buoni, ingrossando le sue dispense segrete dietro il divano o sotto i libri (dispense poco segrete in verità. Vengono sempre scoperte dai figli!). E’ il primo a uscire dalla gabbia la mattina e la sera. E’ goffo perché ciccione, ha le orecchie a sventola e gli occhi enormi a palla, neri, un po’ ravvicinati. E’ intelligentissimo.
I figli maggiori (di stazza) sono Don e Dean. Dean è cieco, color bianco latte. Forte, ha una massa muscolare da bodybuilder. Barcolla spesso, il nostro caro. Cammina tentoni, crediamo veda solo ombre. E’ prudente e tenero. Esce per ultimo e rientra per primo in gabbia. Dorme a ciambellina. Ha un orecchio mangiucchiato (sinonimo di zuffe?)
Don è un bullo. Ha una striscia grigia sul dorso. Sembra uno scoiattolo. Schiaffeggia per un nonnulla i fratelli (ma non il padre). E’ vorace (è un’idrovora, ha cercato di mangiare pure una spugna, ha aperto un barattolo di vetro, spinto giù dalla mensola un pacco di crostatine, poi chiaramente pappate), costruisce case di design; raccoglie carta, tessuti, noci e realizza abitazioni di qualsivoglia fattezza. A piramide, rotonde, mono o bilocali. Sta ore a progettare.
Dan è sensibile, bianco come Dean ma col musetto grigio. E’ tenero. Morbido. Vorrebbe stare sempre in braccio. Sbaciucchia i nostri cani, noi, i fratelli. Ci segue ovunque.
E poi c’è Tatou, il nanetto. Il gemello di Don ma in miniatura. E’ uno scricciolo, non cresce tanto. E’ leggerissimo, dolce e monello. E’ una scheggia, salta e gioca sempre. Ruba cioccolatini, spaghetti crudi (e cotti), si è infilato in un tubo di carta di Scottex senza riuscire a uscirne (ce ne siamo accorti perché notavamo un tubo indemoniato rotolare per la casa). Gli piace stare sulla testa mentre mangiamo. Tatou è la mascotte di casa. E’ indemoniato ma così piccolo da suscitare tenerezza in chiunque.

Corrono per casa (abbiamo coniato il termine Giuseppiadi per descrivere le loro competizioni di 50 cm di scatto o del circuito cucina), si arrampicano sui tubi dell’acqua calda scendendo poi a mo’ di vigili del fuoco sul tubo (o ineleganti ballerine di lapdance, se preferite), inseguono uno dei nostri cagnoloni (il lupetto) per le stanze, cercano di conquistare la vetta della sua testa o coda ogni sera. Mangiano incessantemente, entrano nel frigo, abbiamo trovato Tatou nel frullatore, saltano da terra alla piastra di cottura con zompi elastici come fossero di gomma. Fanno salti in lungo tra il tetto della loro gabbia al tavolo da pranzo (Giuseppe fallisce sempre, a metà volo casca a piombo sul pavimento).

Poi, si stancano, come cuccioli, e si addormentano sulle nostre gambe. Per svegliarsi dopo un’oretta e ricominciare.

Dean, Don, Dan, Tatou e Giuseppe sono non mangiatori di altri animali, come me, Paolo e tutti i componenti della nostra famiglia allargata (si dice vegan ma non mi piace questo termine). Si cibano di frutta (amano il melone, gliene tagliamo fettine tipo fetta di anguria in miniatura), la verdura a foglia verde, i cereali da colazione, adorano le nocciole, le patatine fritte (cerchiamo di dargliene poche), le crostate e i panettoni. Il radicchio, i pomodorini, i peperoni. Le patate al forno o bollite o in qualunque altra maniera. A volte ci tirano dietro i cibi che non amano (le zucchine e, qualche volta i fagiolini)! Oppure ci guardano esterrefatti su due zampe tipo ma che ci dai? Sei impazzita? Tira fuori le patatine! E poi, amano scricchiolare la pasta cruda, i ceci, il miglio.

Adoro le loro manine. Stringono il cibo come noi, tra le dita; si siedono e sgranocchiano. Fanno il bagnetto nella ciotolona dei cani, usano la lettiera! Sono intelligenti, pazienti e osservatori. Sono affettuosi. Simili ma diversi a cani e gatti di casa. Vogliono stare vicino a noi ma sono anche indipendenti. Desiderano il contatto fisico e studiano i nostri movimenti, le nostre abitudini. L’uno diverso dall’altro.

I ratti non piacciono. I nostri colleghi, i nostri amici, ci ascoltavano inorriditi all’inizio. Topi in casa? Oggi, ci chiedono foto e video dei cinque. Ci chiedono di venirci a trovare con i loro figli per conoscere Giuseppe il grigio. E’ una questione di approccio culturale (che parolone!), come per tante altre faccende. Di preconcetto. Ci si convince che i ratti siano sporchi ma in pochi hanno avuto il piacere di osservare un bagnetto-tipo di un topone. Si lavano con attenzione, si lisciano il pelo, si aiutano a vicenda a pulirsi. Sporchi, pensano i più! Che sciocchezze. Ma occorre mostrare, insegnare per sradicare una banale concezione.

Dean, Don, Dan Tatou e Giuseppe sono questo e tanto altro. Sono la pienezza dei nostri giorni, le risate più fragorose della serata. Sono buffi, irriverenti e gentili. Sono un dono. Un regalo del quale siamo grati di cuore a Gianluca e a chi, con lui, dedica tempo, energie e spende sacrificio per garantire una degna e giusta esistenza agli Ultimi.

Buona vita,

Federica

venerdì 31 ottobre 2014

CENA BENEFIT

CIAO A TUTTI!

(nella foto colonia rattine recuperate da una signora che ci ha detto "non mi potro mica tenere queste bestie" con tanto di quel disprezzo che non ne avete idea ... inutile dire maschi e femmine intere insieme, condizioni ingeniche inappropriate (avevano la rogna), cuccioli morti di cui non si erano nemmeno accorti . Io le trovo splendide e la cosa che più ci rende orgogliosi e che stiano bene e siano sereni)


 ... Ecco la locandina della cena:



Capisco che il lundì sia un giorno "scomodo" per impegni vari, lavoro, figli... E chi più ne ha più ne metta...
MA vorremmo partecipaste numerosi per festeggiare insieme più di un anno di lavoro, che ci ha permesso di rendere felici molti animali... Inoltre il locale (pera serata cena vegan, bio e con frutti di stagione) sarà nostro in esclusiva e la cena non sarà di quelle lunghe e infinite... VI ASPETTO!

sabato 28 dicembre 2013

UNA FESTA, UNA STRAGE ... QUESTIONE DI PUNTI DI VISTA

Buonasera a tutti!

Oggi previsto post inutile di lagne. Avvisati. Tematica : Feste di Natale&Co.

Non c'è niente di male, suppongo, a ritrovarsi in famiglia e stare bene.
Ma dovrebbe essere un occasione come un altra. Alla fine mi chiedo che differenza fà? oggi, tra un mese o tra tre? Se stai con persone a cui vuoi bene, con cui stai bene non c'è bisogno di un "evento" non c'è bisogno di un regalo.
Che poi parte tutto il tran-tran dei giri obbligatori  salutare questo e quest'altro, dove mi accorgo che il tatto, la delicatezza (e anche l'intelligenza a essere onesti) ... Ci ha lasciati da un pezzo. Tra un "Elisa lo vuoi il tonno?" oppure "Ma dai per una volta fai uno strappo alla regola e mangia il tronchetto" .. Ma si è 5 anni che ho cambiato registro dopotutto è una cosa recente.
Oppure la perla di quest'anno (the winner is ...) " Ma guarda che anche io amo gli animali!" dopo aver parlato di conigli macellati in casa e altre nefandezze ..." Se vuoi ti tiro fuori il dizionario degli animali, ce l'ho sai?! "  ... Ma che cazzo è il dizionario degli animali? E si visto che lo hai sai dove te lo puoi mettere?! "I conigli alla fine sono belli anche da vivi"... Vomito bile tra un pò.
Ovviamente tutte considerazioni che , fino a che riesco trattengo. Non saprei limitarle, ma prima o poi il vaso si riempe e il primo poveraccio che mi dice una virgola fuori posto è rovinato.
Come posso amare o anche solo rispettare un essere umano quando mi trovo davanti a tutto questo? Sei cristiano? Bene, il NON UCCIDERE (per mano tua o di altri) dove lo mettiamo? Spirito Natalizio? Tutti più buoni a riempirsi lo stomaco di animali straziati dal dolore e dalla paura avidamente trasformati in pietanze. RISPETTA IL PROSSIMO, NON FARE AGLI ALTRI QUELLO CHE NON VORRESTI TI FOSSE FATTO... Potrei andare avanti ore con esempi.

Ma no! Io sono una fanatica estremista, è molto più facile indossare i paraocchi (per l'occasione magari glitterati) e fare finta di niente, badare solo al proprio egoismo e alla propria pigrizia mentale. Si dai per quest'anno facciamo un offerta a 'Save the children' o al canile comunale e la coscienza non ci darà troppo da pensare.
Chi se ne frega di quello che non vediamo, chi se ne frega di tutto. Così d'altronde è tutto molto più semplice.

Io sono una povera cretina come tanti e faccio decine e decine di errori, ma spero che se  qualcuno leggerà questo post farà qualche riflessione e magari cercherà di cambiare, anche un pelino solo.... Di migliorare  il suo approccio con mondo che lo ospita.


Buone feste a tutti. Che le festeggiate o no.

***Immagini prese dal web e modificate***

giovedì 17 ottobre 2013

IERI, OGGI, DOMANI ...

Buongiorno a tutti!

 #QUESTO E' UN POST DI RIFLESSIONE NON PROPONGO NULLA DI PRATICO, QUINDI PER ALCUNI POTREBBE ANCHE RISULTARE INUTILE#

Da un pò di tempo a questa parte mi sono partite un pò di considerazioni. Questo è il mio blog alla fine, se non scrivo ciò che penso che senso ha?

Una è sull'alimentazione. Come ben sapete la mia scelta VEGAN è al 100% di stampo etico; nel senso .. Se mi dicessero (E' UNA SUPPOSIZIONE ASSURDA PERCHE' E' DMOSTRATO CHE UNA DIETA  VEGETALE BEN BILANCIATA E' PIU' CHE APPROPRIATA PER UN UMANOIDE) "se non inizi a mangiar carne muori" non credo cambierei le mie abitudini e il mio stile stile di vita. Certo nelle situazioni bisogna esserci e non si può parlare per supposizioni... Ma così facendo non danneggio nessuno, non ho sulla coscenza animali massacrati per colpa mia e questa è una gradissima gioia. E voglio continuare così, anzi migliorare sempre di più.
Ma ora a distanza di anni ne assaporo anche i risvolti salutisti. Certo se mangio tutti i giorni patate fritte... Si sono vegan, ma il mio fegato non è molto contento. Ho riscoperto le cotture conservative, il cibo crudo, il gusto della frutta al posto dei dolci, la forza e l'energia che ti dà il gibo giusto al momento giusto, leggo di più le etichette.. che mi piacciono solo se sono limpide senza decine di ingredienti che non so neanche cosa sono. E' incredibile.

Il recupero delle cose usate. Io adoro le cose "vecchie". Sono una giovane vecchia mi sà ^-^ Mercatini, soffitta della nonna... Trovo siano posti davvero magici. Il fatto di "recuperare" un oggetto senza doverne comprare uno nuovo penso sia davvero bello. Oltre al fatto che gli oggetti fatti un tempo sono molto più duraturi e belli esteticamente. Ovviamente questo discorso deve essere calibrato al tipo di oggetto, con gli elettrodomenstici per esempio sarebbe molto più complicato.
L'ultima rivelazione l'ho trovata nell'armagio della mia prozia Claudina. Avevo bisogno di qualche cappotto così sono andata a vedere se c'era qualcosa che mi stesse (Purtroppo lei è morta da parecchi anni). Ho trovato qualcosa che posso adattare facilmente a me, e sono rimasta stupida dalla cura degli abiti ... la maggio parte fatti a mano (lo si nota perchè non ci sono etichette e le cuciture sono diverse da quelle "industriali"). E' il valore che diamo agli oggetti che ci dà felicità, non l'oggetto in sè.. almeno credo...

I percorsi. Quando una persona sceglie di intraprendere una via che non è proprio la più semplice, può capitare di inciampare .. Ma invece di piangersi addosso ... Che non porta mai a niente.... Penso bisogni concentrarsi e ricordare perchè si è fatta quella scelta. Muoversi e darsi da fare (mentamente e fisicamente). Anche se è difficile, anche se fà male, anche se non se ne ha voglia e sarebbe più semplice prendere tempo.
C'è sempre un altro lato della medaglia. Sempre.
Secondo me, una volta che si è sicuri di non fare male a nessuno con le proprie decisioni si può fare quello che si vuole. Ma è davvero fondamentale chiedersi "E se lo facessero a me?!"
Come è importante non sentirsi mai arrivati, mai al di sopra degli altri. E' una continua scoperta qui... Una continua ricerca.
Forse a volte bisognerebbe farsi guidare dall'istinto e dal cuore, forse sarebbe tutto meno com plicato.
Penso sia capitato a tutti di percorrere un pezzo della strada insieme a qualcuno e poi per un motivo o un altro separarsi .. Penso sia normale, anche se si è voluto bene a qualcuno o si è creduto fosse diverso da chi poi si è dimostrato.. L'importante è non perdere mai di vista chi si vuole essere e chi si vuole diventare.



Prima che qualcuno posti un commento acido (io non cancello mai i commenti, a meno che non siano spam) dico subito che io non mi credo perfetta.. anzi! Cerco solo di limitare i danni.

sabato 6 luglio 2013

"ZALETTI" DEL VENETO

Ciao a tutti ^-^

zaletti biscotti veneti uvetta ricetta veganaciao a tutti
oggi faccio un post su questi biscotti deliziosi. Sono i veneti (il mio uomo è veneto) fatti con la farina gialla ... "zaleti".. significa gialletti infatti  .. che fantasia 'sti veneti !
A me piacciono molto, sono senza dubbio particolari.

La ricetta originale viene da vegan blog .. ma si sà il cuoco (Gian) è un artista e da buon artista modifica e ri-interpreta .. Quindi le dosi sono indicative.
PS: io avrei aggiunto un pò di polvere di vaniglia... Mi sà che ho una dipendenza ^-^

Per circa due teglie di biscotti:

- 300gr di farina gialla
- 150 gr di farina bianca
- 1 bustina di lievito
- 1 pizzico di sale
- 150 gr di zucchero di canna
- 125 gr di olio di girasole bio
- 50 gr di uvetta (lui ne ha messa moooolta di più)
- mezzo bicchiere di rum, scorza di limone
- acqua

Mettere in ammollo l'uvetta con il rum, la scorza di limone grattugiata e un pò d'acqua. Fino a coprirla.
Intanto mescolare le farine, lo zucchero, l'olio, il lievito, il sale e poi incorporare l'uvetta ( non buttate il liquido). Ora aggiungere il liquido fino ad ottenere un impasto lavorabile con le mani.
Disporre sulla teglia delle palline schiacciate con un diametro di circa 5-6 cm. Infornare a 200°C circa per 20 -30 minuti. Lasciare raffreddare con lo sportello del forno leggermente aperto.

________________________________________
Colgo l'occasione per invitarvi a una serata !

 Giovedì 11 luglio dalle 20.00 circa alla birreria "la vecchia volpe" a Lesignano de Bagni strada della ghiacciaia,4

Ci sarà una splendida serata persiana con danza del ventre.
Il menù (ovviamente vegan) è strutturato da "mezze" ovvero antipasti, cous cous con zucca e mandorle e falafel (polpettine di ceci).

Il costo della cena è di 25 euro tutto incluso*. Parte del ricavato sarà devoluto ad I-CARE.

* menù fisso, 0,5 l di vino rosso fermo o bianco frizzante o birra bionda, acqua, caffè.

Sarà presente alla serata il banchetto con i gadget e il materiale illustrativo e informativo dell'associazione.
Ricordiamo inoltre che al nostro rifugio ci sono tanti splendidi ratti che cercano adozione!
 Purtroppo la sperimentazione animale non è stata ancora debellata ed è importante poter accogliere sempre al rifugio i nuovi arrivati per poterli riportare a una vita normale e procedere con la ricerca di una casa dove vengano finalmente considerati essere viventi e non oggetti.

sabato 6 aprile 2013

ANIMALE O UMANANO ? NON C'E' CONFRONTO!

 * Ho riletto il post. E' pesante lo sò. Io non voglio insegnare niente a nessuno ne penso di essere l'unica a fare le cose giuste. Ma il tutto è solo frutto di considerazione e idee varie che vagano per la mente.
Questo è il mio blog. Ci scrivo quello che penso e sento.
 ______________________________________



Qualche giorno fà mi sono trovata a discutere con mia madre a proposito della nostra (mia e di Gian)  scelta vegan e tutto quello che ci ruota attorno.. E ad un certo punto ha tirato su una solfa che non finiva più ..In risposta all'argomento libertà e rispetto dell'altro.. Del tipo gli animali sono animali e gli uomini uomini... chiedendomi (come se la risposta fosse scontata) se in una situazione limite io avrei salvato la vita a una "bestia" o a un uomo.
Io le ho risposto con sincerità. Se ci fosse stata occasione di salvare entrambi ok, altrimenti molto probabilmente avrei optato per l'animale.

Le persone, la maggior parte delle volte, sono cattive (mi ci metto in mezzo anche io ovvio), non credono alla buona fede, sempre pronte solo a giudicare senza pensare per un attimo che le cose siano fatte prima col cuore poi con le testa.

Piccolo capitolo questione nutrie.
E' un pezzo che non ne parlo. Non so da voi, ma qui nella mia zona c'è un vero e proprio piano di ABBATTIMENTO. Sembra che siano una calamità naturale. Manca solo che inventino una "bomba nucleare intelligente" e le hanno fatte tutte.
Non mi dilungherò oltre a distruggere tutte le sciocchezze con cui i bifolchi danno aria alla bocca millantando chissà quali danni.. Linko il mio post precedente.
E se non credete a me che sono una povera deficente come tutti.. Fatevi una ricerca o meglio ancora passeggiate nelle campagne in riva a fiumi e canali..
Vedrete da voi se il problema è una nicchia superficiale scavata o tutto quello che c'è intorno.

Qualche sera fà ne abbiamo trovata una in mezzo alla strada... Ci siamo fermati per spostarla sul ciglio in modo che le auto non la calpestassero.. E ci siamo accorti che era ancora viva. Così l'abbiamo portata a casa, pulita, disinfetta, antidolorifico,messa al caldo... ecc ecc. La mattina successiva l'avrei portata dal vet.
Dico l'avrei perchè non ce l'ha fatta. E' morta dopo poco più di un ora.

Io mi dico. E' capitato anche a me l'anno scorso di investirne una. A volte è inevitabile.. Ma caspita almeno fermarsi e guardare? costa troppa fatica? perdi troppi secondi della tua squallida esistenza da infame?
Se avessi investito un cagnetto o un bambino? Specismo puro e semplice.

mercoledì 13 febbraio 2013

SERATA CONTRO LA VIVISEZIONE E RACCOLTA FONDI PER I CARE





Domenica 17 Febbraio all’Auditorium di Parma Lirica, in via Gorizia 2 (laterale di via Bixio) a Parma si terrà un importante serata contro la vivisezione a partire dalle ore 21.00
Aprirà la serata il dr Massimo Tettamanti, coordinatore di I CARE, a seguire testimonianza sull’importanza di adottare gli animali salvati dai laboratori a cura di un attivista e poi musica con la Theos Band.
L’ingresso sarà a offerta libera, inoltre sarà presente un banchetto per vendere magliette , shopper e altri gadget con il logo I CARE.
Tutto il ricavato verrà devoluto ad I CARE, associazione scientifica in prima linea nella lotta contro la vivisezione e a favore di una ricerca senza crudeltà.


Per ulterio info o fare una donazione :

 http://www.icare-italia.org/

mercoledì 30 gennaio 2013

PERCHE’ ADOTTARE UN RATTO?




Molto spesso sentendo parlare di ratti la gente arriccia il naso… senza sapere che amici fantastici possono essere.
I ratti sono intelligenti, vivaci, puliti, giocherelloni e molto raramente mordono. Al contrario di quello che si pensa non sono sporchi (investono parecchio tempo per tenersi puliti) e non puzzano (a meno che voi ovviamente non gli cambiate la lettiera quando è sporca… ma questo vale anche per i gatti).
Il loro alloggio ideale sarebbe una bella gabbiona a più piani tipo quelle che si trovano per furetti (attenzione che le sbarre siano abbastanza strette perché altrimenti usciranno…nel dubbio rivestite la gabbia con della rete di ferro plastificata per recinzioni che si trova nei negozi di bricolage di 1x1 cm ). Con corde, scalette, amache,ripiani… sbizzarritevi ! E se avete una stanza in più … perché no? Concedetegliela!! Ma attenzione che rosicchiano un po’ di tutto (legno,cavi elettrici,tappeti,tende …ecc ).
Sono inoltre animali gregari (amano stare insieme) quindi le adozioni sono come minimo di 3 ratti. Non spaventatevi! Lo spazio in cui può vivere bene 1 è lo stesso per 3.
Mangiano un sacco di cose come noi : verdure (cotte e crude), frutta (più dolce è più gli piace), riso, pasta, cereali, legumi cotti, biscotti secchi, mix di granaglie… ecc
E’ importante non dare loro cose troppo condite e/o fritte e cioccolato e simili.
Devono avere sempre a disposizione un beverino e una casetta/scatola di cartone per nascondersi o riposare se ne sentono la necessità.
Un’altra cosa da ricordare è che essendo animali allevati per generazioni in cattività non conoscono NESSUN pericolo. Quindi attenzione se li fate uscire dalla gabbietta o avete altri animali in casa.
Aggiungete alla gabbietta qualche rametto da rosicchiare e arrampicarsi (vanno bene salice e gli alberi da frutto tranne il fico).
Concedetevi un’oretta o anche di più a osservarli e capirete
Per altre info:



PER INFO SULLE ADOZIONI: animalsbrother80@virgilio.it

lunedì 29 ottobre 2012

CONCERTO BENEFIT STOP VIVISECTION


Piccolissimo post per far pubblicità a questa graziosa serata. Ci sarà un concerto di musica classica al teatro Crystal di Collecchio (PR). Il biglietto è di 15 euro.

La serata è stata organizzata per raccogliere fondi per I-CARE che si occupa di trovare e sviluppare metodi sostitutivi alla sperimentazione animale e di salvare tante piccole creature che altrimenti alla fine del ciclo di esperimenti verrebbero soppresse.
 Interverrà il fondatore MASSIMO TETTAMENTI. Chi lo conosce sà che è un mito ... Chi non lo conosce ed è in zona deve venire ^-^.

Ci sarà anche un buffet vegan a base di piatti con la zucca ^_^